Alpe di Siusi - il grande pascolo alpino

L’Alpe di Siusi é un altipiano alpino in Alto Adige, é situato nelle Dolomiti occidentali e si estende su un’area di ca. 52 km² e su un’altezza di 1850 m in un paesaggio singolare. L’Alpe si estende fra la Val Gardena a nord, il famoso massiccio dello Sciliar a sud- est e fra il Sassolungo a nord- est. Un vero paradiso escursionistico soprattutto per gli amanti della natura, dato che la parte orientale dell’Alpe di Siusi Alto Adige fa parte del Parco Naturale dello Sciliar- Catinaccio, il quale fu istituito nell’anno 1974 ed é uno dei 7 parchi naturali in Alto Adige. In totale il famoso parco misura 6796 ettari ed é dal 2003 che il Catinaccio fa parte del territorio protetto. L’Alpe di Siusi fa parte del comune di Castelrotto, ci sono sull’Alpe due piccoli centri abitati: Compaccio e Saltria. A Castelrotto ed anche nelle altre localitá turistiche della zona, Siusi e Fié allo Sciliar si trovano molte infrastrutture turistiche, hotel, alberghi, masi, appartamenti ecc. Anche i centri benessere non mancano in zona, qui si offrono trattamenti come il famoso bagno di fieno, ideale per chi cerca relax e ricreazione.

L’Alpe di Siusi rappresenta l’altipiano piú grande d’Europa, con numerose baite invita ad escursioni bellissime con un panorama a 360° su cime famose come lo Sciliar, il Sass de Putia, il gruppo delle Odle, il Puez o la Marmolada- per nominare solo alcune delle cime circostanti. In inverno le piste sono collegate a quelle della Val Gardena tramite una funivia che porta ad Ortisei, anche per lo sci di fondo c’é una grande offerta. Esistono molte leggende e saghe sulla zona, leggende che raccontano di streghe e magia- l’Alpe di Siusi rappresenta una zona ricca di tradizione e cultura.

Ogni anni si organizzano numerosi eventi e feste folcloristiche, popolare é anche il gruppo folcloristico “Kastelruther Spatzen” che ogni anno da un grande concerto a Castelrotto. L’Alpe di Siusi ormai é diventato un simbolo dell’Alto Adige, soprattutto lo Sciliar con il suo punto piú alto- il Monte Petz, rappresenta un motivo popolare della provincia. Inoltre facendo parte delle Dolomiti, fa anche parte del patrimonio naturale dell’UNESCO, grazie al paesaggio affascinante delle zona e grazie alle formazioni singolari delle Dolomiti.

Cerca